Browsing Category

marmellate & confetture

    colazione & merenda/ conserve/ marmellate & confetture

    CONFETTURA DI ALBICOCCHE – METODO FERBER

    …con l’arrivo della bella stagione non so perché, mi piace preparare le confetture, che poi uso sia per la colazione sia per preparare profumate crostate.  
    Solitamente mi affido al libro che un tempo usava mia suocera, ma questa volta spinta dalla curiosità,  mi sono affidata al metodo di Christine Ferber che consiste nel far macerare la frutta con lo zucchero per almeno 9 – 12 ore (una notte) prima di farla cuocerla. 

    Alcune cose che ho imparato facendo le confetture:

    – partiamo dalla cottura: l’ideale sarebbe una pentola in rame,renderebbe la cottura perfetta e lo zucchero non si attaccherebbe sul fondo, tuttavia anche le pentole in acciaio sono ottime.
    Per mescolare sono consigliati i mestoli di legno con il manico lungo.
    – stabilire quanto tempo deve cuocere una confettura : non si può definirlo con esattezza,molti sono i fattori, qualità della frutta , e cioè la stessa tipologia di frutto può contenere più o meno acqua, se è più o meno matura.

    – con la pratica poi si riesce a capire quando la confettura ha raggiunto la giusta consistenza; un trucchetto sempre funzionante è quello di mettere un cucchiaio di confettura in un piatto tenendolo inclinato, se corre lentamente e a fatica…ci siamo la nostra confettura è pronta


    Faccio una piccolissima premessa:
    – le albicocche devono essere perfettamente mature.
     
     Questa la mia proposta per la Giornata Nazionale delle confetture di frutta e non vi perdete l’interessante approfondimento sul Botulino.
    ingredienti
    1 kg di albicocche, mature ma ancora sode (peso pulito)
    800 grammi di zucchero (semolato)
    200 grammi di acqua
    succo di ½ limone 
    2 bacche di vaniglia (io no)
    preparazione
    Lavate le albicocche, asciugatele in un panno, eliminate il nocciolo e tagliatele a piccoli pezzetti, lasciando la buccia.
    Mescolatele con lo zucchero, l’acqua, il succo di limone, le bacche di vaniglia incise per la lunghezza ( io non ho usato la vaniglia) e lasciatele macerare per 1 ora coperte con la pellicola.
    Versate le albicocche in una casseruola e portate quasi ad ebollizione, il composto ma non bollire.
    Spegnete e fate raffreddare.
    Versate in una terrina, coprite con la pellicola trasparente e lasciate riposare per una notte in frigorifero.
    La mattina successiva versate le albicocche in un colino foderato con una garza leggera.
    Nel frattempo versate lo sciroppo raccolto in una casseruola, portatelo a ebollizione, schiumando e proseguendo la cottura fino a 105°C (a questa temperatura comincia ad addensarsi), unite allora le albicocche .
    Riportate a bollore e fate cuocere a fuoco vivo per circa 5-8 minuti rimestando delicatamente e schiumando di tanto in tanto.
    Eliminate la bacca di vaniglia.
    Verificate la consistenza della confettura con la prova piattino quindi versatela in barattoli di vetro precedentemente sterilizzati in forno a 130° per 15 minuti.

     

     

     

CONSIGLIA Gelato al matcha